.
Annunci online

voceostiense
Il blog de "La Voce dell' Ostiense"

12 febbraio 2008
Roma e Provincia in testa per nascita di nuove aziende
Roma e la sua Provincia sono in testa, in Italia, per la nascita di nuove aziende. Lo dice la Camera di Commercio di Milano in una sua indagine a carattere nazionale. A Roma, infatti, nel 2007 sono nate 25.751 nuove imprese, a Milano 24.615 e a Torino 15.521. I tassi più marcati di crescita nella Capitale e Provincia si hanno nel settore dei servizi: produzione e distribuzione di acqua, luce e gas (59,1%), intermediazione finanziaria (19,5%) e costruzioni (17,3%). Sempre più presenti, nell’attività imprenditoriale, cittadini provenienti da paesi extracomunitari o di recente ingresso in Europa.




permalink | inviato da voceostiense il 12/2/2008 alle 10:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 febbraio 2008
Roma e Provincia in testa per nascita di nuove aziende
Roma e la sua Provincia sono in testa, in Italia, per la nascita di nuove aziende. Lo dice la Camera di Commercio di Milano in una sua indagine a carattere nazionale. A Roma, infatti, nel 2007 sono nate 25.751 nuove imprese, a Milano 24.615 e a Torino 15.521. I tassi più marcati di crescita nella Capitale e Provincia si hanno nel settore dei servizi: produzione e distribuzione di acqua, luce e gas (59,1%), intermediazione finanziaria (19,5%) e costruzioni (17,3%). Sempre più presenti, nell’attività imprenditoriale, cittadini provenienti da paesi extracomunitari o di recente ingresso in Europa.




permalink | inviato da voceostiense il 12/2/2008 alle 10:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 febbraio 2008
Questa volta vi consigliamo
Una trasmissione televisiva. Il 14 febbraio su Rai3, in seconda serata, va in onda
“In fabbrica”  straordinario documento sulla classe operaia, realizzato da Francesca Comencini (figlia del noto regista Luigi, che diresse il “Pinocchio” televisivo).
Un libro. “Il circo rovesciato” di Milena Magnani che racconta, in un romanzo appassionato, il genocidio nazista degli zingari rom e sinti a partire da quell’11 settembre del 1940 quando il governo fascista italiano ordinò l’internamento in campi di reclusione di tutti gli zingari presenti nel Paese.


 




permalink | inviato da voceostiense il 12/2/2008 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 febbraio 2008
Ostiense ospita la cultura
Ostiense ospiterà tre istituzioni culturali di grande rilievo che hanno  deciso di trasferire le loro sedi nel nostro quartiere.

  • Fondazione Romaeuropa. Tradizionale organizzatrice di manifestazioni culturali e internazionali ad altissimo livello, dal 1 febbraio prende sede nell’Opificio/Spazio contemporaneo, sito in Via dei Magazzini generali, 20 A. Il suo Teatro di riferimento è il Palladium, il teatro di Roma Tre alla Garbatella. Palladium e Romaeuropa hanno firmato un cartellone ricchissimo per la stagione del 2008 con manifestazione di teatro, musica, danza, scienza, cinema ed arte. Per informazioni: www.romaeuropa.net.
  • Fondazione Archivio audiovisivo del Movimento Operaio e democratico. Nato nel 1979, è il più ricco archivio nazionale di materiali cinematografici, televisivi ed audio dedicati alle lotte operaie, alla Resistenza, alla vita sindacale e dei partiti della sinistra storica e alle attività politiche in genere. Collabora con decine di istituzioni italiane e straniere e rifornisce oggi, in Italia, soprattutto i produttori di documentari televisivi, dalla Rai a Mediaset, ai canali  monotematici di Sky a Nessuno Tv.  La nuova sede è ora in Via Ostiense, 105, lo stesso numero civico che contrassegna il Museo Montemartini.  Gli uffici, il laboratorio e l’archivio sono collocati nella palazzina sulla destra, di fronte al Museo. Per informazioni: www.aamod.it.
  • Biblioteca del cinema Umberto Barbaro. Fondata da un nome storico della critica cinematografica italiana, Mino Argentieri, ha oggi una sede presso la Casa del teatro a Villa Panphili, ma ad Ostiense troverà una seconda casa dove affluiranno collezioni di libri e riviste di cinema (anche di fumetti) per migliaia di volumi e fascicoli, oggi collocati in magazzino. La vicinanza con l’Università di Roma Tre faciliterà l’uso della biblioteca da parte degli studenti. La nuova sede è la stessa della Fondazione archivio audiovisivo, cioè in Via Ostiense, 105. Per ulteriori informazione vedi anche www.bibliotecadelcinema.it.

 




permalink | inviato da voceostiense il 12/2/2008 alle 10:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 febbraio 2008
Nasce la Riva dei Teatri sulle ceneri della Mira Lanza
L’area dell’ex Mira Lanza, tra Viale Marconi e Lungotevere dei Papareschi, diventerà un grande “polo teatrale” (qualcuno già la chiama Riva dei Teatri, qualcun altro Fabbrica delle Stelle). La notizia non è nuova - la Voce se ne è occupata più volte nel passato – ma adesso le cose si sono fatte concrete. L’11 gennaio, infatti, gli spazi previsti sono stati trasferiti dal Comune all’Accademia d’Arte Drammatica e tra poco inizieranno i lavori per la costruzione della nuova sede di questa storica istituzione dalla quale sono usciti alcuni dei maggior nomi dello spettacolo italiano: da Gassman a Manfredi a Proietti a mille altri. L’Accademia nasce a ridosso del già esistente Teatro India e nel nuovo complesso verranno istallati anche teatri di posa, laboratori, sale a disposizione delle varie compagnie e alloggi per gli studenti. Non basta: uno dei vecchi capannoni ospiterà il Teatro Spazio Zero, che aveva la sede a Testaccio, ma che da qui è dovuto emigrare per lasciare spazio al nuovo mercato. Tra i teatri troverà infine posto anche un nido d’infanzia.
Pochi giorni prima dell’11 gennaio, gli edifici dell’ex Mira Lanza – un gioiello di archeologia industriale – sono stati in buona parte distrutti da un grosso incendio di dubbia origine, forse accidentale, forse no, visto che vi si rifugiavano decine di rom ed extracomunitari. Per questi, come già era stato previsto, è stato attuato subito un trasferimento in altra situazione abitativa. Naturalmente le polemiche politiche sono esplose, ma non potranno togliere niente all’opera di risanamento e riqualificazione in corso nell’area. A far da portabandiera agli attacchi al Comune è stata anche questa volta An che, tuttavia, ha avanzato una proposta che con il teatro non c’entra niente, ma con la cultura sì. L’allestimento di un museo dedicato al Tevere.




permalink | inviato da voceostiense il 12/2/2008 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte